martedì 5 Marzo 2024
HomeBrasile : Guimarães accetta lo status di favorita della Seleção, ma non...
Array

Brasile : Guimarães accetta lo status di favorita della Seleção, ma non vuole farsi prendere la mano

Il centrocampista brasiliano Bruno Guimarães ha assunto lo status di favorito degli Auriverde, ma non si fa prendere la mano.

Il Brasile sarà, come sempre, il favorito assoluto per la vittoria della Coppa del Mondo. Bruno Guimarães ne è ben consapevole, ma non vuole farsi trascinare dal fatto che la Seleção non solleva il trofeo da vent’anni:

“Credo che il favorito si farà valere sul campo, non sui giornali. Penso che il favorito si vedrà in campo, non sui giornali. È vero che abbiamo una buona squadra, come l’Argentina e la Francia, e stiamo giocando bene in questo momento… E quando si indossa la maglia del Brasile, bisogna assumersi questa responsabilità. Abbiamo vinto cinque Coppe del Mondo, più di chiunque altro, quindi siamo sempre i favoriti. Ma non possiamo permettere che questa idea entri in campo. Perché saremo 11 contro 11 e se non giochiamo bene, perderemo di sicuro. Sì, è pesante (queste cinque stelle), conosciamo i giocatori che hanno indossato questa maglia, Pelè, Zico, Ronaldo, Rivaldo, Ronaldinho… Tutti gli idoli. Quindi, quando lo si indossa, si ha un’enorme responsabilità. Ma se arrivi qui, significa anche che sei un grande giocatore. La cosa più importante è non pensare a tutto questo in campo. Se arriviamo con la testa grossa, ci farà molto male. Quindi dobbiamo giocare con la palla, abbiamo tutte le qualità per farlo. I nostri avversari ci aspetteranno, cercando di difendersi bene per impostare i contropiedi, quindi abbiamo la responsabilità di giocare, di creare occasioni e di dominare”, ha dichiarato in un’intervista a L’Equipe.



Guimarães al centro di un sogno !

Ha poi parlato del suo orgoglio di rappresentare il Brasile alla Coppa del Mondo:

“È stato un momento incredibile perché, anche se te lo aspetti, è la realizzazione di qualcosa che ho sempre sognato: giocare la Coppa del Mondo con il mio Paese. È uno dei momenti più belli della mia vita, è stata una sensazione incredibile sentire il mio nome chiamato in TV dall’allenatore, con mio figlio in braccio. Avevo ancora qualche dubbio. Ci sono molti giocatori brasiliani molto bravi e anche se so di giocare molto bene al Newcastle, non si può mai essere sicuri. Posso dire che ogni bambino in Brasile, senza eccezioni, ha il sogno di giocare per la Seleção. E sono pochissimi quelli che ci riescono. Così da bambino, come tutti, volevo giocare per il Brasile. Sono cresciuto con una maglia di Ronaldo sulle spalle e ci giocavo ogni giorno per strada. Sono nato a Sao Cristovao, dove R9 ha iniziato a giocare a calcio. Oggi le persone che vivono lì sono davvero felici per me.



Infine, è tornato sul suo nuovo status e sulle differenze tra OL e Newcastle:

“Gioco come un numero 8, mi trovo spesso al limite dell’area per passare o segnare. Credo che tra i centrocampisti solo Kevin De Bruyne sia più coinvolto nelle azioni da gol in campionato. Ciò significa che faccio cose interessanti. Mi piace questo gioco, difendere e attaccare. Sono più libero che in OL. Lì sono stato considerato come un recuperatore che non deve passare troppo il centrocampo. A Newcastle sono un creatore. E anche Tite vuole usarmi così”.



ARTICOLI CORRELATI

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

- Pubblicità -

ULTIMI ARTICOLI